maglie calcio poco prezzo moncler outlet air max outlet Cheap NFL Jerseys
Manifesti - Bolaffi dal 1890 Francobolli Monete Collezionismo
Seguici su Google + Seguici su Google + Seguici su twitter Seguici su facebook Segui le news

Newsletter

Scegli a quale newsletter iscriverti:
Privacy Policy

Manifesti: i "fondi oro" del Ventesimo secolo

pubblicità martiniDurante il Medioevo la "pubblicità" perseguiva un nobile scopo: invitare il popolo alla preghiera e ai pensieri pii. A tal proposito erano realizzati i "fondi oro", opere d'arte su tavola con sfondo laminato d'oro, che distaccavano le figure dal contesto terreno e le immergevano in una luce divina. L'età moderna ha cambiato il supporto e mutato le finalità pubblicitarie: si è abbandonata la strada spirituale per quella dei consumi terreni, e ci si è rivolti alle masse per spingerle all'acquisto dei beni materiali. Sono nati pertanto i nuovi "fondi oro" del Ventesimo secolo, i manifesti. Grazie a tale ruolo i manifesti pubblicitari sono stati i primi e più attenti "cronisti" dell'era moderna; in molti casi addirittura hanno precorso i tempi con visioni profetiche destinate a stupire, scandalizzare e far riflettere. Il manifesto, inoltre, a causa del trionfo della pittura astratta, è stato l'unico strumento che rispecchiasse fedelmente la società dell'epoca.

Naturalmente, accanto a quelli pubblicitari, rivestono un notevole interesse collezionistico i manifesti cinematografici e turistici: eleganti ornamenti da parete e beni d'investimento con elevate potenzialità di crescita.

Nel maggio del 1996 la Bolaffi segna un importante traguardo: per la prima volta in Italia l'azienda torinese organizza le aste di manifesti d'epoca con cadenza semestrale. Da allora i prezzi di vendita sono sensibilmente aumentati e i manifesti più redditizi stanno conoscendo una rivalutazione di almeno un 10% annuo. Il mercato, tuttavia, è ancora piuttosto giovane - quasi fosse un aereo in fase di rullaggio sulla pista di decollo - pertanto i prezzi sono ancora molto vantaggiosi e accessibili.

 

 

 

Manifesti d'arte: il coraggio del primo "sbarco"

 

Fino agli anni Sessanta feroci critiche erano riversate su tutte le espressioni artistiche che non fossero direttamente riconducibili ai canoni della pittura formale. Tuttavia, gli oggetti "privilegiati" di queste infelici recensioni erano proprio i manifesti delle esposizioni: la loro comparsa all'esterno delle gallerie diffondeva le "mostruose" immagini dell'arte astratta "che qualsiasi bambino sarebbe stato in grado di fare". Queste eccezionali testimonianze artistiche non sono state ancora adeguatamente valorizzate per il loro ineguagliabile significato e sono ancora reperibili a condizioni accessibili.

 

Per ricevere senza alcun impegno informazioni sui nostri servizi legati al mondo dei manifesti e per acquistare o mettere in vendita manifesti, contattate gli esperti della Bolaffi all'indirizzo posters@bolaffi.it