Il carteggio di Verdi trova casa - News - Francobolli Monete Aste Collezionismo - Bolaffi


Il carteggio di Verdi trova casa

SUPERATO L’OBIETTIVO DI €120,000 PER L’ACQUISTO DEL CARTEGGIO DI GIUSEPPE VERDI – OPPRANDINO ARRIVABENE

 

Superato in soli cinque mesi il record di raccolta fondi per il progetto di crowdfunding promosso dalla Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi e realizzato grazie a Smartika SpA, Istituto di Pagamento autorizzato e vigilato da Banca d’Italia, che ha infatti raccolto più di 120mila euro.

Tale cifra era necessaria per consentire a Casa Verdi -  casa di riposo per musicisti, voluta dallo stesso Giuseppe Verdi – di acquistare 82 lettere (223 pagine) scambiate tra il Maestro Verdi ed il suo amico Opprandino Arrivabene, nobile mantovano. L’epistolario, passato all'asta Bolaffi del 13 maggio 2014 ma rimasto invenduto, era stato sottoposto a procedura di vincolo del Ministero per i Beni Culturali.

L’attivazione di una trattativa privata, così come la rinuncia ai propri diritti sulle opere da parte di Aste Bolaffi - a cui l’epistolario era stato affidato - hanno permesso di fissare il prezzo di vendita ad un livello inferiore a quello di mercato.

“Con i fondi che abbiamo ricevuto – afferma Roberto Ruozi -  potremo comprare da Bolaffi questo interessante carteggio del maestro Verdi e riportarlo nella sua Casa, che egli definì “la mia opera più bella”. Inoltre, grazie al successo raggiunto dal progetto – prosegue – abbiamo mostrato un nuovo modo di generare finanziamenti per sostenere la cultura”.

Il carteggio sarà da ora a disposizione del pubblico e degli studiosi, che sapranno valorizzarlo attraverso esposizioni e convegni. Potranno, inoltre, sottoporlo ad un’accurata critica, che contribuirà a diffondere e rafforzare la conoscenza di Verdi in Italia e nel mondo.

 

L'avvio del crowfounding

Bookmark and Share