Se la réclame è d'autore - News - Francobolli Monete Aste Collezionismo - Bolaffi


Se la réclame è d'autore

 

Il giornalista della Stampa Maurizio Assalto dedica un articolo all'asta Bolaffi Art déco e Manifesti del 26 settembre:

 

Federico Zeri avvicinava i manifesti pubblicitari ai «fondi oro» pre-giotteschi, che nella loro tensione comunicativa univano spesso alle immagini un testo scritto. E Alberto Bolaffi, che dal 1996 ha aperto le aste della casa torinese a questo settore, li considera l’unica forma artistica che rispecchia a fondo la sua epoca, mettendo in scena auto, aerei, grandi navi, sport, tutti i prodotti che via via è diventato indispensabile possedere, usare, ostentare, in una parola l’immaginario (consumistico) del ’900.


Dopo essersi affermata come uno degli eventi più importanti a livello internazionale, l’asta Bolaffi si era presa una pausa. Torna giovedì, dopo due anni, in una inconsueta tornata settembrina. Alla base dello stop la difficoltà di reperire materiale di qualità. Ci sono ovviamente gli effetti della crisi, con la flessione dei prezzi che ha indotto i potenziali venditori ad aspettare tempi migliori. E c’è, per quanto riguarda i manifesti italiani, una congenita carenza dovuta al fatto che da noi - a differenza della Francia, dove fin dalla fine dell’800 il collezionismo era diffuso, con una rivista per appassionati, ora ricercatissima, come «Les maîtres de l’affiche» - molti capolavori specialmente nella prima parte del ’900 sono andati in gran parte distrutti.


Leggi il resto dell'articolo su lastampa.it >

Bookmark and Share