maglie calcio poco prezzo moncler outlet air max outlet Cheap NFL Jerseys
I cataloghi a dieci anni dall'Euro - News - Francobolli Monete Aste Collezionismo - Bolaffi
Seguici su Google + Seguici su Google + Seguici su twitter Seguici su facebook Segui le news

Newsletter

Scegli a quale newsletter iscriverti:
Privacy Policy
11/09/2012

I cataloghi a dieci anni dall'Euro

Autenticità, qualità, rarità e un inedito indice tematico confermano la buona tenuta del mercato filatelico italiano

 

Catalogo dei francobolli Bolaffi Flash 2013

Nel presentare i nuovi cataloghi, ci sembra quanto mai opportuno, visto il momento, iniziare dall'euro, a dieci anni dal suo ingresso nella vita socio-economica degli italiani. La moneta unica ha inciso non poco sul nostro cammino quotidiano e, almeno finora, non ha reso l'esistenza più serena e sicura rispetto alla non dimenticata e perennemente "rattoppata" lira. Il motivo del disagio che stiamo vivendo, rispetto ai cittadini tedeschi e olandesi, ci siamo permessi di esprimerlo - con poca umiltà, non essendo degli addetti ai lavori - nell'editoriale di gennaio (1.12, pp. 2-4). Sta di fatto che, salvo rare eccezioni, l'intero comparto dell'economia italiana ha visto tempi migliori e oggi risulta difficile formulare previsioni rosee a breve termine.

 

Sfogliando i nuovi cataloghi, con riferimento alla congiuntura degli altri settori, è inevitabile provare un certo imbarazzo nell'accennare al fatto che il nostro comparto sta dimostrando un'invidiabile capacità di tenuta. Questa congiuntura sarebbe addirittura ancora più marcata se la filatelia uscisse dal suo specifico ambito collezionistico e tornasse a essere più diffusamente concepita dai neofiti anche in veste di bene rifugio. Si tratta però di una diversificazione del risparmio che, salvo nei confronti dell'oro, appare essere quasi totalmente sconosciuta fra i cittadini non troppo attempati. Le più giovani generazioni sono ormai da decenni avvezze a concepire il denaro non più come mezzo utile allo sviluppo di ogni tipo di intrapresa, ma quale improprio "autofertilizzante" per far crescere altro denaro. Ciò premesso, crediamo però, visti i tempi, che una maggiore attenzione sarà posta nei confronti dei beni rifugio.

 

Queste considerazioni ci sono sembrate utili per accennare al fatto che i cataloghi sono l'espressione di un settore che, attraverso le sue formulazioni economiche, esprime anche una collaudata alternativa al risparmio. Una congiuntura che, anche per la nuova stagione, è orientata all'ottimismo. Indispensabile però sottolineare che, tra gli anelli dell'ormai lunga catena che unisce i primi francobolli dell'album alle ultime emissioni, non tutte le maglie possono rispondere a questo tipo di indirizzo. Tralasciando infatti l'importantissimo aspetto cronachistico contenuto in tutti i francobolli, nel contesto dei circa tremilacinquecento esemplari italiani, gli "anelli" che per ragioni di censo consentono di effettuare una circostanziata analisi economica rappresentano una piccola minoranza. Di questa minoranza fanno parte infatti solo gli esemplari definiti Maior e Leader, ed è sul loro luccichio che si possono trarre conclusioni di natura economica.

 

Inoltre, nell'accennare alla congiuntura di questi esemplari, è indispensabile anche premettere che i cataloghi Bolaffi, nello sfaccettato e soggettivo modo di riferirsi all'autenticità e alla qualità, formulano indicazioni di ordine economico partendo da parametri obiettivi e facilmente identificabili. Un procedere totalmente dissimile rispetto alle altre fonti di informazione, che formulano le loro indicazioni di mercato partendo da presupposti di carattere esclusivamente soggettivo e quindi non facilmente individuabile. Al centro di questo distinguo emerge il diverso modo di riferirsi ai concetti di qualità e di autenticità, che rappresentano i due inderogabili parametri dai quali scaturisce ogni considerazione di carattere economico.

 

Questi concetti sono chiaramente espressi nella chiave di lettura dei cataloghi Bolaffi, dove vengono enunciate le indicazioni relative ai P (punti) e agli R (indici di reperibilità) dei nostri mercuriali.

 

Dopo questi accenni, ecco la sintesi delle indicazioni di ordine economico contenute nel catalogo.

 

IL MERCATO

Fatta eccezione per le emissioni degli ultimi anni, viene proposto un aumento di valore del Punto di 6 euro per i seguenti capitoli:

- PERIODO ANTICO (ANTICHI STATI ITALIANI)

- PERIODO ANTICO (1851-1861)

- PERIODO CLASSICO

- PERIODO MODERNO (REGNO)

- FRANCOBOLLI NATURALI

 

Il valore del Punto rimane invariato rispetto alla stagione 2011-2012 per i seguenti capitoli:

- PERIODO MODERNO (REPUBBLICA)

- PERIODO CONTEMPORANEO-SPAZIALE

- PERIODO EURO

- FRANCOBOLLI UNIVERSALI

 

Specifiche indicazioni relative alla favorevole congiuntura di questi protagonisti della filatelia mondiale sono contenute nel capitolo a loro dedicato.

 

LE AFFRANCATURE

Uno specifico accenno deve essere rivolto ai francobolli su lettere e su buste. Escluso il capitolo degli aerogrammi, che da sempre è stato rapportato con sufficiente attenzione ai criteri adottati per gli esemplari nuovi, le affrancature dei periodi Antico e Classico, dato il loro sovente sofferto stato di conservazione, fanno emergere indicazioni di mercato lontane dalle quotazioni di catalogo, che esprimono il 100% della qualità. Ciò non deve stupire, visto che dopo un'attenta un'attenta disamina pochi sono gli esemplari che superano la soglia del 5-10% della Scala Bolaffi e questa constatazione evidenzia perché le affrancature vengono sovente collocate a prezzi molto discordanti.

 

REPUBBLICA: FRANCOBOLLI COMUNI E AMBITE CASELLE

Se per gli altri comparti il catalogo suggerisce un aumento del Punto di 6 euro, questo non è invece il caso degli esemplari del Dopoguerra, fatta eccezione per i francobolli naturali che registrano lo stesso aumento.

Si tratta di una congiuntura che perdura ormai da tanti anni, che però potrebbe essere di altro contenuto se nei confronti della centratura fosse esercitata una maggiore attenzione.

 

In base a questa disamina, il numero di francobolli con i requisiti di qualità 100% risulterebbe infatti molto ridotto, e ciò provocherebbe una lievitazione delle loro quotazioni. Si tratta però di una constatazione puramente teorica, dal momento che il tempo e il conseguente onere che richiederebbe questo tipo di esame non sarebbe comunque proporzionato al modesto valore dei francobolli di questo comparto. Di diversa origine è la stasi che conoscono le emissioni più significative della Repubblica. Ci riferiamo agli esemplari che esprimono la meta più ambita da chi, per ragioni economiche, non può affrontare il più impegnativo percorso delle caselle degli Antichi Stati e del Regno.

 

Visto il contesto sociale popolare da cui proviene la maggior parte delle richieste, non deve però stupire che l'attuale momento congiunturale abbia indotto molti collezionisti di questo comparto, non certo per disaffezione, a cedere le proprie collezioni, contenenti i pezzi migliori. Conseguentemente il mercato della Repubblica sta conoscendo una forte pressione di vendita.

 

Fortunatamente però, buona parte di questa offerta è stata riassorbita dalle richieste dei neo-collezionisti, ma anche dalle nuove iniziative messe in atto a favore della filatelia, tra le quali degna di citazione è la raccolta Francobolli d'Italia, prodotta da Poste italiane, che ha ottenuto risultati superiori a ogni ottimistica previsione.

 

I P E GLI R

Infine bene precisare che, come abbiamo sovente avuto modo di riferire nelle precedenti edizioni, le quotazioni dei Leader e dei Maior sono espresse in punti (P). Sono state introdotte inoltre indicazioni relative alla reperibilità dei francobolli più rari per mezzo degli indici di reperibilità (R). Sul motivo di queste scelte invitiamo alla lettura della Chiave del catalogo contenuta nel primo volume del catalogo Flash.

 

I CATALOGHI A DIECI ANNI DALL'EURO

A dieci anni dall'introduzione della moneta unica i cataloghi riferiscono in termini positivi di un mercato filografico-filatelico che, come ci insegna il passato, dimostra di essere capace di reagire alle intemperie di qualsiasi tipo esse siano.

 

I FRANCOBOLLI ITALIANI DIVISI PER TEMI

Sul Bolaffi Flash 2 il primo censimento tematico disegna l'identikit dei tremila francobolli repubblicani Il Flash 2012 presenta un'importante novità: il primo indice tematico dei francobolli emessi dalla nostra Repubblica.

In oltre 40 pagine l'anagrafe dei tremila esemplari "schedati" tema per tema, a comporre un ritratto a tutto tondo della Collezione Italia.

 

Frutto del meticoloso e fine lavoro di analisi di Giancarlo Morolli - che di tematica si occupa dal 1955 e per 27 anni è stato presidente della commissione tematica Fip -, l'indice è pensato non tanto per il collezionista avanzato quanto, piuttosto, per chi desidera un approccio semplice e "alternativo" all'album tricolore.

 

La categorizzazione tematica delle emissioni permette infatti di privilegiare la prospettiva che più appassiona: arte, spiritualità, natura, economia, ma anche sport (per la vasta popolarità di cui gode, una sezione speciale è dedicata al calcio), storia e istituzioni, scienze e tecnologie, trasporti e comunicazioni, patrimonio culturale, e - non poteva mancare - poste e filatelia. Infine, per soddisfare i tanti campanilismi e localismi che nell'album filatelico rappresentano una grande ricchezza, ogni francobollo è "schedato" anche per regione.

 

L'impostazione grafica è autoesplicativa: una tabella sinottica che, come per "battaglia navale", incrocia la riga con il nome dell'emissione con le colonne verticali dei dodici macro-temi. Basta un righello, un po' di attenzione e tanta curiosità.

 

L'Italia è il più grande museo a cielo aperto del mondo: quanti e quali francobolli rispecchiano questa verità? In questo paese di santi, quali forme di spiritualità sono rappresentate? Quanti francobolli sono dedicati ai… francobolli? Quale è la regione più dentellata? Ora rispondere è facile.

 

  • Olimpiadi, campionati mondiali, meeting internazionali, squadre, atleti e organizzazioni: dalla a di alpinismo alla v di vela, sono 134 le emissioni dedicate allo SPORT E al TEMPO LIBERO, di cui 38 celebrative del "gioco più bello del mondo", il CALCIO

  • Dipinti, sculture e monumenti, romanzi e poesie, opere architettoniche, componimenti, film, pièce teatrali: 652 emissioni per i capolavori dell'ARTE E DINTORNI

  • Le 178 emissioni ecosensibili sono attente ai temi legati alla NATURA E all'AMBIENTE

  • RELIGIONI, miti, culti, spiritualità, santi e profeti in 194 emissioni

  • Il saper fare e il saper lavorare: artigianato, commercio, agricoltura, industria, finanza in 287 emissioni dedicate al LAVORO E all'ECONOMIA

  • Le 870 emissioni dedicate ai grandi eventi e ai grandi uomini del passato e alle istituzioni del presente scandiscono la CRONACA del nostro Paese

  • Volta, Marconi, Galvani, Majorana e le loro invenzioni: in 164 emissioni le grandi scoperte delle SCIENZE E delle TECNICHE, senza le quali vivere sarebbe meno comodo

  • Viaggi aerei, crociere navali, missioni spaziali, TRASPORTI E COMUNICAZIONI su strada, rotaia, via cavo o etere: nell'album repubblicano c'è un "viavai" di 176 emissioni

  • Una metacollezione, quella dei 257 FRANCOBOLLI CHE CELEBRANO SE STESSI E LE POSTE

  • Ville, castelli, piazze, fontane, tradizioni e folclore: le tante sfaccettature della nostra BELLA ITALIA in 418 francobolli

  • UNA REGIONE PER OGNI EMISSIONE: per la prima volta uno strumento che attribuisce un ambito regionale a ogni esemplare

Collegamenti

Bookmark and Share

Articoli correlati

13/09/2012
Il video dell’intervista di Adnkronos ad Alberto Bolaffi realizzato il 6 settembre a Milano in occasione della presentazione dei cataloghi.
11/09/2012
Autenticità, qualità, rarità e un inedito indice tematico confermano la buona tenuta del mercato filatelico italiano
11/09/2012
Con una sessione straordinaria in coda alla seduta di apertura della Borsa filatelia, sono state varate giovedì 6 settembre nella cornice di Palazzo Turati a Milano le edizioni della nuova stagione filatelica 2013.
04/09/2012
L’articolo pubblicato sul Corriere Economia sui cosmogrammi e sul francobollo Astronauta ignoto.
23/09/2011
La filatelia punta su Expo 2015 per sconfiggere la crisi del settore: video intervista ad Alberto Bolaffi
07/09/2011
Nuova e completamente rinnovata, l'edizione 2012 del catalogo Bolaffi Flash si presenta suddivisa in tre volumi e con caratteristiche innovative di ordine tecnico e finanziario
26/08/2011
In una fase di alta volatilità tornano gli investimenti alternativi. Dal classico Gronchi Rosa a Topolino, dai vini ai Puffi. Ma occhio al rischio. E alla domanda
04/04/2011
L'articolo di Espansione, allegato mensile al Giornale, con virgolettato di Alberto Bolaffi sulla filatelia.
01/04/2011
Un francobollo che è entrato nel vocabolario quotidiano a significare una rarità, un pezzo ambito e, soprattutto, uno status symbol del collezionismo: buon 50esimo compleanno, Gronchi rosa.